Opus

L’eccellenza, che sia relativa o assoluta, la si raggiunge, in qualsiasi settore, a patto di saper sé stessi, non perché si viene costretti dall’esterno.

L’incentivo stimola il soggetto a conseguire una meta solo se il raggiungimento della stessa non implica troppo rischio, troppa sofferenza, troppa fatica. Gli incentivi funzionano moderatamente nella quotidianità: ossia quando gli obiettivi sono chiari, routinari, poco sfidanti e raggiungibili in tempi brevi.

Motivazione

La motivazione intrinseca è la capacità di attivarsi sulla base di un’intenzione interna. Non ha bisogno di ricompense dall’esterno perché può già contare su un premio interno: un forte piacere legato al compiere l’attività stessa. Ed è proprio il piacere lo stratagemma inventato dall’evoluzione per aumentare il coinvolgimento nel migliorare il controllo di sé e la padronanza sull’ambiente.

Resilienza

La resilienza è una dimensione cognitiva della motivazione: è la capacità di mantenere la motivazione costante ed elevata nonostante le avversità o i cambiamenti.

La perseveranza crea passione.

La passione è dunque sogno e autoregolazione, dopamina e aree prefrontali, piacere e disciplina. Per ribadire un concetto che Anders Ericcson aveva ben chiaro “quello che fa la differenza non sono le ore di attività o l’impegno generico, né il compitino fatto in modo adempitivo. È l’intenzionalità che fa crescere.” Se si vuole diventare più resilienti bisogna autoimporsi condizioni di gioco più difficili.

Gli obiettivi devono essere in primo luogo uscire dall’area di comfort ricordandosi che, in qualche modo, abbiamo addirittura bisogno dello stress; in seguito darsi degli obiettivi ben settati per ottenere più dopamina, la quale rappresenta l’alleanza tra il cervello rettiliano e i centri prefrontali.

Il lungo, lunghissimo sentiero fra gli acquitrini e le foreste, chi l’ha tracciato se non l’uomo? Prima di lui, nessun sentiero: dopo, di quando in quando, sulla landa e per le paludi, un animale seguì la via appena percettibile e la marcò con un’impronta più netta… (Knut Hamsun, premio Nobel per la letteratura nel 1920, autore del Risveglio della terra)

Questo articolo utilizza citazioni tratte dal libro “Opus: Manuale di automotivazione” di Pietro Trabucchi, editore Corbaccio (6 settembre 2018). Tali citazioni sono state rielaborate e adattate ai fini di argomentare sulle tematiche trattate nel libro rispettando la Legge sul Diritto d’Autore (la legge n. 633 del 1941) così da non rendere inutile la lettura del brano originale, anzi invogliando il lettore a tale lettura.